www.icdeamicisrandazzo.edu.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Questo sito utilizza i cookies per le statistiche e per agevolare la navigazione nelle pagine del sito e delle applicazioni web. Info

Home 902/A14 Memoria dei Caduti randazzesi durante la Seconda Guerra Mondiale

902/A14 Memoria dei Caduti randazzesi durante la Seconda Guerra Mondiale

E-mail Stampa PDF

Prot. n. 902/A10 del 20/02/2020

  • Spett.le Sindaco
    Comune di Randazzo
  • p.c. Presidente Consiglio comunale di Randazzo

OGGETTO: MEMORIA DEI CADUTI RANDAZZESI DURANTE LA SECONDA
GUERRA MONDIALE

Richiesta di intitolare uno spazio pubblico ai caduti randazzesi della Seconda Guerra Mondiale, e di riconoscere a livello cittadino il 12 febbraio “Giorno della memoria dei caduti randazzesi dell’Oria”.
Quest’anno, nell’ambito delle iniziative promosse per il Giorno della Memoria, l’Istituto “E. De Amicis” ha voluto far conoscere una delle più grandi tragedie del Mediterraneo, consumatasi il 12 febbraio 1944 con il naufragio del piroscafo Oria, sul quale erano deportati anche due nostri concittadini.
La città di Randazzo purtroppo ha conosciuto la devastazione della Seconda Guerra Mondiale, avendo avuto distrutto per ben oltre l’80% il suo patrimonio artistico e architettonico, tanto da meritarsi il triste appellativo di “Cassino di Sicilia”, e ben più per aver pagato in vite umane, come per Salvatore Fornito e Renato Vagliasindi, ai cui corpi non ha potuto neppure dare degna e “lacrimata sepoltura”.
La storia locale ha fatto irruzione nella storia mondiale e ha lasciato un grande segno negli alunni, che hanno riconosciuto ai giovani militari caduti randazzesi, così come alle migliaia di giovani dispersi nel naufragio dell’Oria, il “diritto” di essere conosciuti per aver costruito, con il loro sacrificio, le fondamenta di quelle libertà democratiche su cui oggi regge il nostro Paese.
D’altra parte, essendo ormai veramente pochi i superstiti, crediamo che la Scuola e con essa l’Amministrazione locale, espressione dei cittadini randazzesi, debbano idealmente raccogliere l’impegno infaticabile di tramandare la memoria contro il pericolo dell’indifferenza e dell’oblio.
Come Istituzione educativa questo impegno lo abbiamo assunto nel Piano dell’Offerta formativa, che nello specifico quest’anno ha voluto promuovere la conoscenza della storia locale a partire dalle vittime randazzesi, ovvero i deportati politici e gli internati militari della Seconda Guerra Mondiale che, dopo l’armistizio dell’8 settembre del 1943, si sono rifiutati di aderire al nazifascismo e per questo sono stati considerati traditori e destinati ai campi di concentramento.
Per loro, per mantenere viva la memoria del loro sacrificio a favore della libertà della Patria, come Istituto Comprensivo vogliamo farci anche promotori presso codesta Amministrazione comunale di Randazzo, guidata dal signor sindaco Francesco Sgroi, della intitolazione, in onore dei deportati politici e degli internati militari caduti durante la Seconda Guerra Mondiale, di uno spazio pubblico e del riconoscimento a livello cittadino del 12 febbraio come “Giorno della memoria dei caduti randazzesi dell’Oria” con una cerimonia che promuova la lettura dei nomi del Muro della Memoria, che attualmente comprende solo 343 degli oltre 4.100 dispersi vicino al Pireo, tra cui i nostri randazzesi, il soldato Salvatore Fornito e il sottotenente Renato Vagliasindi.
Certo di un Suo interesse per quanto sopra e rimanendo in attesa attesa di Vs. comunicazioni si coglie l’occasione per porgere distinti saluti.

Il Dirigente Scolastico
(Prof. Salvatore Malfitana)
Firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art.3, c. 2, del D.Lgs n.39/93

Share
 
 11 visitatori online